Marco Capra e i suoi vini piemontesi

La cantina di Marco Capra, che porta il suo stesso nome, si trova a Santo Stefano Belbo (Cuneo). Conoscevamo già Marco e i suoi vini da un po’ di tempo: avevamo avuto occasione di assaggiarne alcuni durante un evento da noi organizzato anni prima al Relais San Maurizio. Eravamo rimaste colpite dal perfetto connubio che i suoi vini creavano con le nostre ostriche, perciò abbiamo deciso di andare a trovarlo per ripetere la gustosa esperienza.

Marco ci ha accolte con grande ospitalità, ci ha mostrato i suoi vigneti, la sua cantina (che sta ristrutturando in previsione di creare una sala eventi e degustazioni), e ci ha raccontato la sua storia di viticoltore.

Nato e cresciuto a Santo Stefano Belbo, ha lavorato a partire dall’età di 15 anni nella cantina di famiglia (fondata nel 1946) con i suoi nonni e suo padre, che gli hanno insegnato il mestiere e gli hanno permesso di farsi realmente le ossa sul campo. All’epoca però l’azienda non era come la conosciamo adesso: trattava solo vini sfusi in damigiana. Nel corso degli anni, l’attività è poi passata sotto la sua gestione e l’azienda ha attraversato un periodo di grande rinnovamento: le tecniche di lavorazione delle uve si sono affinate e i vini hanno cominciato a essere imbottigliati.

Oggi Marco possiede un’azienda bellissima, che vende i suoi vini sia in Italia che all’estero (Stati Uniti, Francia, Paesi del Nord Europa); una realtà in cui il sapere è stato tramandato di generazione in generazione ma che non smette mai di guardare alla crescita e al rinnovamento. Le uve che tratta sono esclusivamente le sue, monitorate costantemente da esperti agronomi per garantire la produzione di vini di alta qualità.

“Il mio obiettivo è quello di portare prestigio alla nostra zona, meno conosciuta – e alla moda – rispetto ai luoghi più famosi delle Langhe perchè ai suoi margini. La nostra terra è splendida e produce ottimi vini, perciò merita di essere conosciuta e apprezzata di più dal pubblico.” ci ha spiegato Marco. E noi siamo perfettamente d’accordo! Già negli ultimi anni l’afflusso turistico è molto aumentato grazie a imprenditori come lui, che sanno come valorizzare il loro territorio al meglio: siamo convinte che si tratti solamente dell’inizio.

E poi ci ha spiegato il motivo per cui ama il suo lavoro: “Chi vende cibo o vino di qualità sa che c’è una poesia dietro ogni piccolo gesto che si fa per renderlo tale: si tratta di vendere felicità.” e ancora: “Sono partito come un ragazzino di un piccolo paese che ha lavorato dall’età di 15 anni e sono diventato un uomo che viaggia spesso e vede molte nuove realtà nel mondo grazie a quello stesso lavoro. Forse senza il vino non avrei mai avuto questa possibilità.”

Abbiamo abbinato 3 ostriche a 3 dei suoi vini e credeteci, il risultato è stato magnifico!

1
Alta Langa Sei Tremenda (L’etichetta è molto simpatica ed è dedicata alla figlia di Marco) – Fine de claire (salata e poco persistente)

1
Langhe Nascetta 2019– Cuvèe Prestige (dolce, carnosa e mediamente persistente)

1
Barbera d’Asti superiore DOCG 2018Eire (dolce e molto persistente)

MARCO CAPRA

Località Seirole 40

Santo Stefano Belbo (CN)

Rispondi